Cerca

Rinnovi Sicurezza e Difesa / Andamento lento

Funzione pubblica e Sindacato italiano lavoratori polizia della Cgil preoccupati per i ritardi della trattativa contrattuale
12 gen. – Ritardi e incertezze. Dal tavolo tecnico di ieri con il governo sul rinnovo del contratto 2016/2018 per sicurezza e difesa i sindacati Fp e Silp Cgil sono usciti preoccupati. “La Parte Pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle  sulla destinazione delle risorse a disposizione”. Sia per il fisso che per l’accessorio. Opacità che non lascia tranquilli rispetto agli 85 euro medi mensili d’aumento. La controparte intende portare il 90% di incremento nella parte fissa (parametri e indennità pensionabile), mentre saranno risorse aggiuntive a finanziare l’indennità di vacanza contrattuale. “In questa cornice dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017” raccontano i sindacati che si dicono soddisfatti, invece, sulla disponibilità a rendere oggetto di trattativa la destinazione dei 150 milioni, stanziati per la specificità, con decreto da varare. “È necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi. Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali” chiudono Fp e Silp Cgil. 
tiziana.altea | 12 gennaio 2018, 13:01
< Torna indietro