Cerca

Cooperativa Olinda: Fp Cgil Mantova sospende lo stato di agitazione

Resta apprensione per il futuro dei lavoratori. Il lavoro di accoglienza ai migranti è diminuito, ad alcuni è stato ridotto l'orario. Il sindacato auspica che non ci siano più problemi di risorse
14 mag. - C'è voluto del tempo, ma i lavoratori della cooperativa Olinda di Mantova, che seguono i migranti trasferiti nei centri della provincia, hanno ottenuto tutti gli arretrati e i rimborsi spese. La Fp Cgil di Mantova ha sospeso lo stato di agitazione. "Dopo l'incontro a fine febbraio - racconta la funzionaria della categoria Magda Tomasini -  il Prefetto si era impegnato a sollecitare il ministero dell'Interno a trasferire risorse alla cooperativa - i 35 euro giornalieri per ogni migrante preso in carico - in modo che avesse liquidità per pagare gli stipendi. Le banche non anticipavano più. La settimana scorsa abbiamo incontrato la cooperativa, che si è impegnata a mantenere buone relazioni sindacali, e ha dichiarato di voler aumentare la richiesta di anticipo alle banche per scongiurare problemi simili in futuro". Erano 250 i dipendenti della cooperativa, ma sono diminuiti. Alcuni si sono licenziati, ad altri è stato ridotto l'orario. Vivere senza stipendio non si può. (aa)
angela.amarante | 14 maggio 2018, 08:31
< Torna indietro